Come macchie di caffè

abb38a655f6bbf70de13003930f54189Il profumo del caffè si spande per la stanza, ma non vi resta che pochi minuti. La tazza arriva alle labbra e la bevanda scivola giù, nella gola, in poco più di una manciata di secondi.
Poi cosa resta?
Restano le macchie sulla tovaglia, tenaci, testarde, che per farle andar via a volte non basta un signore smacchiatore.
Ecco, la stessa cosa vale per i personaggi di una storia.
Non concentratevi sul “profumo” o sul “sapore”, ponete l’attenzione sulle macchie, quelle che rendono imperfetti nel modo perfetto, quelle che non vanno via con un bagno caldo.
Concentratevi sui nei, sulle macchie dell’animo umano.
È così che si costruisce un vero, realistico e bel personaggio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...